Disegnare con la parte destra del cervello

Teoria

Fin dalla preistoria il disegno ha accompagnato la nostra storia culturale e l' evoluzione umana: dai primi geroglifici nelle caverne alle grandi opere del Rinascimento fino alle più innovative correnti del nostro secolo; l’uomo ha costantemente sentito la necessità di esprimersi. Betty Edwards ha sviluppato il modo per poter attingere al potenziale creativo, attingendo a questa conoscenza possiamo goderne i benefici. Grazie alla sua intuizione iniziale propose a degli studenti di ricopiare un disegno al rovescio, facendo una scoperta che la portò ad elaborare questa importante teoria che in seguito diverrà il metodo "Disegnare con la parte destra del cervello". L’approccio della dottoressa Edwards B. si basa sulla teoria della specializzazione emisferica del cervello, sviluppata a partire dagli anni ’50, che evidenzia le funzioni cognitive specifiche e complementari di ogni emisfero. Ha approfondito le ricerche di Roger Sperry (neuroscienziato statunitense premio Nobel per la medicina nel 1981) e di altri studiosi dell’epoca che si occupavano di neuroscienza.

Betty Edwards ha dimostrato come la nostra formazione culturale occidentale e il sistema di comunicazione di massa, valorizzano e fanno ‘lavorare’ la parte sinistra del cervello (parte preposta alla logica e al calcolo). Con questa cultura Ie funzioni dell’emisfero destro (intuitive, relazionali, creative, globali e atemporali) non vengono utilizzate. Nel nostro sistema educativo: le materie principali appartengono alla sfera verbale e numerica (scrittura, lettura, matematica) che limitano la creatività. In realtà molti hanno tralasciato queste capacità bloccandosi ad un’età evolutiva precisa; questa scoperta risveglia la capacità creativa e propone in modo semplice e graduale l’arte di vedere e percepire la realtà, liberando la mente e la mano da condizionamenti e simboli non evoluti.

Il disegno si apprende come si può apprendere lo sciare, il guidare oppure il fare una torta. Quando impariamo a disegnare questa capacità rimane dentro di noi e non viene più dimenticata, riflettendosi nel lavoro, nelle relazioni e nella vita di tutti i giorni.

Tratto dal libro Disegnare con la parte destra del cervello.

«(...) gli esercizi hanno lo scopo di aiutarvi a compiere quel passaggio mentale, con due vantaggi: il primo, quello di entrare in contatto, mediante un atto di volontà cosciente, con la metà destra del vostro cervello, sperimentando un nuovo tipo di coscienza che potremmo definire lievemente alterata; il secondo, quello di vedere le cose in un modo diverso. Solo sviluppando queste due capacità imparerete a disegnare.»

Betty Edwards è stata docente presso la California State University di Long Beach e l’autrice del libro, ‘The new drawing on the right side of the brain’, bestseller tradotto in ben 13 lingue, nonché l’ideatrice di questo innovativo metodo.